Blog

Quanto vale l’indotto delle startup?

Istat mette a confronto alcuni indicatori di produttività tra startup ed aziende “ordinarie”.

Innegabilmente in questi ultimi 5 – 10 anni si fa un gran parlare di start-up, di unicorni, di exit, acquisizioni milionarie o miliardarie.

Ma, oltre a questo, qual è l’indotto generato da questa parte di economia?

Questo anche alla luce del nuovo  ordinamento giuridico che ha introdotto la figura della “startup innovativa” a fine 2012 ed in seguito al quale sono state create circa 5.000 imprese.

La notizia interessante è che, a differenza di altre start-up, quelle innovative hanno un tasso di mortalità bassissimo anche se viene rilevato che sopravvivenza non equivale a piena salute e vita florida.
Infatti molte di queste non riescono a compiere un salto di qualità, complice anche un ecosistema attorno a loro non estremamente favorevole.

C’è da dire che si sta cercando di favorire cambiamenti di legge che cerchino di favorirle e sostenerle, anche se le difficoltà sono ancora tante.

La definizione di start-up innovativa è stata resa maggiormente flessibile e gli sono state affiancate le PMI innovative.
Il mercato rimane per ora sotto-capitalizzato e c’è la necessità di investitori professionali e risorse che riescano a selezionare ed incentivare le idee e le realizzazioni più promettenti, al di là di incentivi e agevolazioni che fanno comodo ma da soli non bastano.

Di seguito i dati riportati dall’ISTAT:

Imprese ed addetti per settore di produzione

Imprese ed addetti per settore di produzione

Valore della produzione

Valore della produzione

Indicatore di liquidità

Indicatore di liquidit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *